Home Chi Siamo Dove Siamo Rubriche 8 Marzo
REPORT GIUBILEO DELLA MISERICORDIA 2016
Domenica, 12 giugno 2016, a Favara, organizzato dal CIF provinciale di Agrigento, si è svolto il Giubileo della Misericordia CIF. Ha aperto i lavori la presidente provinciale Carmelina Severino che ha sottolineato che il vero significato dell'anno giubilare è l'impegno di vivere in pienezza la gioia del perdono, di un perdono reciproco, e di cercare dentro di noi un cuore nuovo liberato dagli ispessimenti negativi, con l'impegno di una conversione autentica. 

E' seguito il pensiero spirituale di Monsignor Gaetano Di Liberto che ha ricordato  la particolare attenzione di Papa Francesco alla Misericordia, tanto da averne inserito la citazione già nel suo stemma papale. Poi ha precisato che il punto di riferimento per il Giubileo sono i Salmi e, richiamando uno scritto di Vito Mancuso, si è soffermato sul senso della "Misericordia oggi".  Ha affermato che la pace e la misericordia sono presenti in tutte le religioni dalla Bibbia al Corano, al Buddismo. E, se da un lato oggi siamo per una misericordia solidale con "una mente che pensa e un cuore che ama", qualcosa in più ci dà la prospettiva cristiana e, citando il Catechismo della Chiesa Cattolica, ci ha  ricordato che il Vangelo è la rivelazione della Misericordia. Come scrive Sant'Agostino Dio ci ha creati senza di noi, ma ha voluto la redenzione con la nostra collaborazione. 

Nel Vangelo troviamo, infatti, Peccato e Misericordia,  a seguito della richiesta di perdono e della volontà di superare le nostre debolezze: "Io ti amo, io ti perdono, lasciati amare". 

Alla colta relazione sono seguite le testimonianze dei CIF presenti e di altre Associazioni su "Il bene che fa bene" , molto suggestive, appassionate e motivanti, che hanno spaziato dalla fondazione dei Consultori familiari, che danno importanti servizi alle donne e alle famiglie, alle missioni nei Paesi più poveri, all'accoglienza agli immigrati, con particolare attenzione alla tratta delle donne, all'assistenza ai portatori di handicap e alle loro famiglie, alla semplice vicinanza a chi soffre e a chi ha bisogno, sia sul piano materiale che sul piano formativo e culturale; esperienze e attività nelle quali si esercitano tutte le opere di misericordia corporali e spirituali, che vanno messe in atto sempre e ogni giorno e non soltanto nell'anno giubilare. 

A conclusione della mattinata la Santa Messa alla quale, nel pomeriggio, è seguito il rito dell' attraversamento della Porta della Chiesa Madre con preghiere, canti e Professione di Fede collettiva. Infine, non è mancato il momento culturale con la visita guidata al Castello e alla Farm Cultural Park. Una giornata di intensa spiritualità, di preghiera, di serena letizia, vissuta in buona compagnia.
 Anna Maria Calderone




Home
Chi Siamo
Dove Siamo
Rubriche
8 Marzo
Attivitą
Galleria
Lascia un messaggio
Contatti
Link Utili
News
 If you have any feedback on how we can make our new website better please do contact us. We would like to hear from you.
 
Site Map